Progetto Ecomar

ECOMar – Energia Convertita da Onde del Mare

 

Kuma Energy srl ha progettato un sistema cimoelettrico di conversione energetica (ECOMar) per produrre energia elettrica dal moto ondoso idoneo per grandi e piccole dighe foranee e con ogni fondale marino. ECOMar garantisce a porti e porticcioli il fabbisogno energetico ricavato da “energie alternative” e “rinnovabili”, obiettivo primario dell’Europa 2020 che prevede riduzione di gas serra e aumento dell’efficienza energetica, riduzione delle emissioni di CO2 e risponde agli indirizzi per la Sostenibilità Energetica, “patti” BRICS e OCSE .

 

Il progetto modulare si compone di tre componenti principali:

– sistema elettrico, modulare e tarabile sul sistema idraulico. Comprende un sistema di supervisione, applicativi software e Sistema di acquisizione dati per la registrazione di tutte le variabili misurate. (Progetto e componenti ABB SpA) Sistemi di comunicazione per il monitoraggio e la conduzione remota degli impianti al fine di ottimizzarne la resa e attivare sistemi di protezione. (INFOPORTO)

– sistema idraulico, modulare e tarabile sulle caratteristiche/risultanze degli attuatori (HYDROMEP, 3DB)

– attuatore, sistema di galleggiamento efficace atto a trasferire il moto ondoso da personalizzare nel porto di installazione dell’impianto

 

Il sistema brevettato da KE è stato progettato seguendo:

– Analisi di serie storiche dei dati ambientali (vento, onde, etc.) forniti dal sistema OS-IS integrato con radar X e boe ondametriche (AGI, MARIS)

– Studi di impatto antropico in aree marine costiere e portuali per incentivare l’applicazione delle direttive Europee e/o leggi nazionali/regionali, p.e. ecosystem approach e valutazione del buono stato ambientale. Sviluppo tecnologico ecosostenibile nel settore marino e marittimo. (LabMare, INGV, CNR, UNIGE)

– Realizzazione di reti regionali di Stazioni Marine Sperimentali per il monitoraggio remoto di tutte le componenti meteo locali attraverso boe intelligenti connesse in wi.fi. con il centro di controllo dell’impianto (WONDERTECH)

– Supporto esterno con droni aerei e sottomarini (KUMA)

– Sviluppo di sistema idraulico e meccanico con garanzia di producibilità, affidabilità e sicurezza nelle varie condizioni del moto ondoso. Scelta dei componenti per la costruzione degli impianti, ingegnerizzazione di prodotti innovativi dedicati e utilizzo di nuovi componenti dalla concettualizzazione e prototipazione alla costruzione in serie (HYDROMEP – KUMA – Università)

 

In dettaglio:

– Ondametri per effettuare i rilievi del moto ondoso trasmessi in tempo reale. Detto strumento è utilizzato per l’analisi della forma delle onde che si generano in mare sotto l’azione del vento e la verifica dei parametri quali: le altezze, i periodi, le lunghezze d’onda e le direzioni di propagazione delle onde reali in un dato periodo di tempo. – Accelerometrici locali, progettati ad hoc, finalizzati alla valutazione del contributo energetico delle onde – Stazione meteo dotata di strumenti di misura per controllare le condizioni fisiche dell’atmosfera nel luogo di installazione del sistema OCW per fini metereologici e climatici. (AGI, MARIS )

KE intende realizzare impianti personalizzabili per siti con differente moto ondoso. In particolare si vuole correlare il contributo energetico delle onde, sulla base di dati forniti da sistemi osservativi resi disponibili dai consulenti scientifici, con i risultati di energia elettrica accumulata ed ottimizzare, di conseguenza, le varie componenti del sistema. (WONDERTECH, INFOPORTO). L’obiettivo è di rendere il sistema performante ma allo stesso tempo ‘controllato’ dal punto di vista della sicurezza, monitorato da remoto attraverso i più efficaci sistemi di telecontrollo. Sistemi di comunicazione dati, la sicurezza informatica delle boe e la comunicazione di queste con la terra ferma per fornitura di dati e manutenzione da remoto. L’obiettivo consiste nella progettazione e nello sviluppo di un sistema Internet of Things (IoT) per dimostrare la fattibilità di applicazioni avanzate basate su boe intelligenti.

 

Il sistema sarà sviluppato in modo modulare, a servizi, in modo da permettere l’implementazione di applicazioni di vario tipo, anche da parte di terzi, utilizzando le funzionalità offerte dalle boe intelligenti. 

 Molti dei progetti presentati a livello internazionale evidenziano ancora grosse difficoltà operative.

Si ritiene che il progetto ECOMar, realizzato in base ad una progettazione incentrata sulle caratteristiche del moto ondoso locale, possa risolvere molte incertezze in quanto mira a risolvere i problemi di messa in sicurezza dell’infrastruttura in presenza di mareggiate. Molta cura viene infatti dedicata ai sistemi di monitoraggio in tempo reale, ai sistemi previsionali e ai dispositivi elettromeccanici che vengono attivati in caso di marosi.

Il progetto riveste interesse anche per quelle ubicazioni a livello marino dove non sussistono collegamenti alla rete elettrica e si vuole fornire sufficiente energia (esempio semplici infrastrutture di ricerca, soluzioni ormeggio diportistico, ecc.).

Il nostro obiettivo è costituire gruppi di lavoro internazionali e accordi con centri di ricerca, università, esperti nel settore, società elettriche e meccaniche di altri paesi per il miglioramento del progetto coinvolgendo direttamente gli studenti con tesi di laurea e master.